Comitato europeo per la protezione dei dati

Quadro giuridico

Il comitato europeo per la protezione dei dati è stato creato dal regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE (RGPD), adottato il 27 aprile 2016 e pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’UE il 4 maggio 2016.

Un avviso di rettifica del regolamento generale sulla protezione dei dati è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il 23 maggio 2018 ed è disponibile qui. La versione consolidata del regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE è disponibile qui.

Il RGPD, entrato in vigore il 24 maggio 2016 e applicabile dal 25 maggio 2018, crea un insieme armonizzato di norme applicabili a tutti i trattamenti di dati personali che si svolgono nell’UE.

L’obiettivo di questo nuovo insieme di norme è di assicurare ai dati personali un elevato standard di protezione nell’intera UE, aumentando la certezza del diritto sia per i singoli sia per le organizzazioni che trattano dati e offrendo un maggiore grado di protezione per le persone fisiche.

Norme specifiche sono tuttavia ancora applicabili a determinati settori.

La direttiva sulla protezione dei dati nelle attività di polizia e giudiziarie (PDPD) si applica al trattamento dei dati personali effettuato da autorità competenti ai fini della prevenzione, dell’indagine, dell’accertamento o del perseguimento dei reati o dell’esecuzione delle sanzioni penali.

Questa direttiva è stata adottata, insieme al RGPD, il 27 aprile 2016 e pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’UE il 4 maggio 2016; è entrata in vigore il 5 maggio 2016 e deve essere recepita nella legislazione degli Stati membri dell’UE ed essere pienamente applicabile entro il 6 maggio 2018.

Il RGPD e la PDPD hanno sostituito la direttiva 95/46/CE per il settore privato e per la maggior parte del settore pubblico, nonché la decisione quadro 2008/977/GAI del Consiglio per quanto concerne le autorità di polizia e giudiziarie.

Infine, il regolamento 45/2001 stabilisce le norme sulla protezione dei dati che si applicano alle istituzioni dell’UE. Il 10 gennaio 2017, la Commissione europea ha adottato una proposta finalizzata ad allineare tali norme al RGPD.